Casi e Pubblicazioni legali

Risarcimento del Danno da Perdita di Chances di Sopravvivenza - "Malasanità"

Perdita di Chances di Sopravvivenza

Con l'assistenza dello Studio Legale Chiarini, è stata conclusa un transazione in sede stragiudiziale (importo liquidato: Euro 86.000,00) per la determinazione dei danni conseguenti alla cd. perdita di chances di sopravvivenza di una Paziente in favore del marito superstite.

Il caso in questione riguardava la vicenda della signora A.B., deceduta all’età di anni 69 mentre si trovava ricoverata presso il reparto di Chirurgia di un Ospedale del Centro Italia, ove era stata sottoposta ad intervento di colecistectomia laparotomica.

Alla Struttura Sanitaria erano state addebitate alcune violazioni delle regole di diligenza e prudenza medico-sanitaria, consistenti - precipuamente - nel ritardo con cui la Paziente era stata sottoposta all'intervento chirurgico, nonché nell'omesso monitoraggio delle condizioni post-intervento. La signora A., infatti, era deceduta qualche giorno dopo l'operazione anche a causa di una progressiva anemizzazione, oltre che di concomitanti patologie.

Considerato il significativo rilievo concausale dei fattori esterni alla responsabilità medica, non poteva affermarsi la sussistenza di un nesso causale pieno tra le condotte colpevoli e la morte della Paziente.

Poteva, nondimeno, affermarsi che la signora A. avesse perso - per effetto dell'inesatto adempimento della prestazione sanitaria - alcune chances, che ella statisticamente aveva, di conservare la propria integrità e, in definitiva, di sopravvivere.

Come noto, la chance (o concreta ed effettiva occasione favorevole di conseguire un determinato bene o risultato), non è una mera aspettativa di fatto, ma un'entità patrimoniale a sé stante, giuridicamente ed economicamente suscettibile d'autonoma valutazione, onde la sua perdita (id est: la perdita della possibilità di conseguire il risultato utile) configura un danno non meramente ipotetico o eventuale, bensí concreto ed attuale, che è risarcibile iure hereditatis ai congiunti superstiti.

Si è, così, pervenuti transattivamente alla liquidazione, in favore del marito della defunta A., di un importo reputato appropriato alla fattispecie.